Come rinforzare e curare le unghie

Rinforzare e curare le unghie, significa imparare e ripetere piccoli semplici gesti, ogni giorno, affidandosi a prodotti sicuri. Tutti desiderano unghie forti, sane e belle. In commercio esistono centinaia di prodotti che promettono nuova vita alle unghie rovinate perché deboli, sottili o scheggiate.

Forse non tutti sanno che ogni unghia è fatta da circa 100 strati di cellule di cheratina. Queste cellule sono morte, dunque, non permettono più all'unghia di respirare. Un'unghia può contenere fino a 1/3 del proprio peso in acqua. Le molecole di acqua sono così piccole che riescono a muoversi attraverso le cellule di cheratina. Tra queste cellule di cheratina, ci sono anche gli olii naturali del corpo, la cui funzione è mantenere l'unghia idratata. Le molecole di olio sono più grandi delle molecole di acqua e, per tale motivo, restano ferme.

Quando laviamo le mani, le unghie assorbono l'acqua fino ad indebolire le cellule di cheratina. Il sapone lava via anche gli olii naturali, asciuga le unghie e causa l'evaporazione dell'acqua più velocemente. Lavarsi le mani col sapone molte volte al giorno, aumenta la possibilità di assottigliamento delle unghie, col conseguente suo indebolimento e rottura.

L'assunzione di farmaci, un'alimentazione scorretta, l'utilizzo eccessivo di solventi, può contribuire al danneggiamento dell'unghia. Per solvente s'intende: sapone, shampoo, smalto per unghie, disinfettanti, prodotti per la pulizia della casa (è consigliato l'utilizzo di guanti a protezione di mani e unghie).

Quando si pensa a trattamenti per unghie, la maggior parte di noi non fa altro che decidere di applicare uno strato di smalto protettivo. In questo modo, l'unghia non assorbe più acqua. Tutto ciò che esiste in commercio è utile alla cura dell'unghia, ma è fondamentale che gli ingredienti possano realmente penetrare in profondità e nutrire l'unghia, non semplicemente coprirla e regalare la sensazione (temporanea) di rinforzo.

Per riportare olio alle unghie, si può utilizzare olio di jojoba, specifico per il nutrimento. Olio di mandorle, avocado, cocco sono utili, ma non hanno la stessa leggerezza molecolare dell'olio di jojoba, quella leggerezza molecolare che permette di penetrare più facilmente gli strati superiori dell'unghia.

Rimuovere lo smalto

Buttate via il solvente senza acetone. Vitamina E, aloe e tutte le altre sostanze contenute in un solvente senza acetone non fanno altro che rendere più difficile la rimozione dello smalto. L'acetone puro porta via lo smalto velocemente e, restando a contatto con l'unghia per brevissimo tempo, causa meno disidratazione. Una volta rimosso tutto lo smalto, lavate le mani con acqua calda.

Cuticole

Dopo ogni esposizione prolungata all'acqua (bagno o doccia), prendete un dischetto di cotone, inumiditelo e spingere le cuticole indietro. Fatelo regolarmente.

Idratare

Applicate l'olio sulle cuticole e sull'unghia. Strofinate e massaggiate in modo da stimolare anche il flusso di sangue utile alla crescita delle unghie. Eseguite questo massaggio per 3 giorni di seguito. Quando l'unghia non assorbe più olio, significa che è finalmente idratata. A questo punto è possibile passare alla fase di mantenimento, durante la quale si applica l'olio solo di notte, prima di andare a dormire.

Proteggere

Applicare lo smalto, dopo aver ben nutrito l'unghia, aiuta a proteggere le unghie dall'assorbimento di acqua. Usate smalti e top coat qualitativamente superiori. Asciugate l'unghia da eventuali tracce di olio in superficie. Rimuovete lo smalto dopo una settimana. Quotidianamente applicate olio di jojoba e massaggiate l'unghia, quest'operazione è importante per nutrire la ricrescita.

Questi piccoli passaggi, su come rinforzare e curare le unghie, possono rivelarsi oltre che utili, anche rilassanti e divertenti.

spotlight

Gianluca SarpiCentro Estetico

spotlight

Gianluca SarpiSalone di bellezza e parrucchiere per uomo

spotlight

Gianluca SarpiStanze Benessere