Pulizia del viso: cose da fare e da non fare.


La pelle, si sa, è il nostro biglietto da visita ed avere l'epidermide del volto perfetta è d'obbligo se vogliamo mostrarci curate ed in ordine. Le donne, in fondo, ne sono ben consapevoli e non a caso non perdono l'occasione per informarsi sui metodi migliori per ottenere una pelle impeccabile eseguendo un'adeguata pulizia del viso. Dunque, ripercorriamo insieme le tecniche più quotate, ponendo particolare attenzione ai "Do" e ai "Don’t", ossia alle cose da fare e da evitare per mantenere una carnagione da bambola.

Tra le accortezze da adottare per pulire al meglio la nostra pelle e dunque evitare di danneggiarla aggredendo la cosiddetta barriera lipidica, bisogna innanzitutto annoverare la scelta di un prodotto ad hoc. Insomma, bando agli acquisti casuali: il detergente deve essere accuratamente selezionato tenendo conto delle specifiche esigenze del nostro tipo di pelle.

Se ad esempio abbiamo la pelle grassa ed oleosa, optiamo per un sapone non sapone che deterga con cura lo strato epidermico superficiale, evitando di disidratarlo. Particolare attenzione, poi, dovremmo porre nel caso la nostra pelle, oltre che grassa, sia a tendenza acneica. In questo caso, il detergente dovrà possedere attivi in grado di riequilibrare le ghiandole sebacee, oltre che mostrarsi incredibilmente delicato. Un prodotto aggressivo, infatti, rischia di causare un effetto boomerang e di accrescere, anziché diminuire, brufoli e punti neri.

Anche per la pelle secca, ovviamente, la delicatezza è un must. In queste situazioni, via libera allora ad un latte idratante, capace di pulire la pelle, aumentandone nel contempo le riserve d'acqua.

Alla pelle sensibile e reattiva riserviamo invece le acque micellari, prive di sostanze irritanti ed allergizzanti quali nichel, cromo, cobalto e coloranti. Infine, anche la pelle mista, che presenta parti secche alternate ad una zona T più oleosa, ha i suoi prodotti d'elezione, spesso sebo-normalizzanti.

Passando al secondo "Do", ricordiamoci che non basta saper scegliere il cosmetico adatto, ma bisogna anche saperlo cambiare a seconda delle stagioni. Un prodotto ottimo per l'estate, infatti, con il freddo e le aggressioni climatiche invernali potrebbe risultare troppo poco delicato ed emolliente.

Infine, tra le best practices per un viso perfetto non può certo mancare lo scrub. Più delicato che per il resto del corpo, ci garantirà un'adeguata esfoliazione che manterrà la pelle più luminosa e vitale e la preparerà al meglio per il make-up, privandola delle cellule morte.

Per quanto riguarda invece le operazioni da bocciare, partiamo dall'errata temperatura dell'acqua. Forse sembrerà strano, ma non regolarla in maniera corretta può infatti risultare davvero deleterio per l'equilibrio della nostra pelle. Dunque, sì al lavaggio con acqua tiepida e tassativamente no a quello con acqua troppo calda, che non solo può avere un'eccessiva azione sgrassante, ma può nuocere ai capillari, aggravando eventuali problemi di couperose.

Un'altra consuetudine abbastanza diffusa, ma da evitare, è quella di effettuare un risciacquo troppo sbrigativo. Non rimuovere perfettamente il detergente, infatti, può da un lato soffocare e dall’altro seccare la pelle. Dunque, la prossima volta che ci laviamo il viso, non siamo troppo frettolose e riserviamogli invece il tempo necessario: ne va della nostra bellezza!

Ancora, prima di acquistare detergenti per il viso, ricordiamoci di leggere l'etichetta, per individuare quelli da non comprare. Gli ingredienti, infatti, sono fondamentali non solo nei prodotti alimentari, ma anche nei cosmetici. Coccoliamo dunque la nostra pelle e difendiamola rifuggendo sostanze irritanti come coloranti, conservanti e parabeni ed optiamo per formulazioni con tensioattivi delicati, prive di profumi ed allergizzanti.

Da ultimo, evitiamo di strofinarci con l'asciugamano e passiamolo invece sul viso con delicatezza, tamponando ogni traccia di bagnato. Così facendo, non metteremo a rischio l'elastina, salvaguardando il tessuto connettivo cutaneo.

Siamo dunque giunti al termine della nostra lista dei "Do" e dei "Don’t". Seguendola, potremo migliorare sensibilmente la nostra routine di pulizia del viso.

Ma al di là della detersione quotidiana, ci sono momenti in cui la pelle ci chiede qualche attenzione in più: un lavaggio più accurato, un'esfoliazione più profonda o una maschera. In questi casi, non facciamoci prendere dalla foga ed affidiamoci alle mani competenti ed esperte di un'estetista, ad esempio fissando un appuntamento nel nostro salone!

spotlight

Gianluca SarpiCentro Estetico

spotlight

Gianluca SarpiSalone di bellezza e parrucchiere per uomo

spotlight

Gianluca SarpiStanze Benessere